Enogastronomia del Trentino: Ricette di Trento

Terra racchiusa tra i monti, il Trentino ha saputo conservare quasi inalterata la sua tradizione gastronomica, ben consapevole che essa è il risultato, da un lato, di rapporti e frequentazioni secolari con il mondo di lingua tedesca, dal quale ha preso a prestito numerose ricette, e dall'altro di antiche condizioni di vita povera contadina, che hanno favorito il nascere di piatti semplici e nutrienti.

A partire dai frutti come le mele o i piccoli frutti di bosco fino ad arrivare ai formaggi, prodotti tutt'oggi in modo tradizionale nelle malghe di alta montagna, il Trentino può vantare una cucina variegata e ricca di sapori.

La popolazione trentina da sempre ha saputo sfruttare al meglio i prodotti della pastorizia, ricavandone sia formaggi che salumi di alta qualità.
I formaggi vengono prodotti con latte esclusivamente di capi alimentati naturalmente e nel rispetto dei metodi di produzione tramandati da padre in figlio nell'arco dei secoli.

Il Trentino oggi vanta una produzione casearia di tutto rispetto a partire dal Trentingrana fino ad arrivare all'Asiago pressato e d'Allevo, il Vezzena, il Puzzone di Moena, la Spressa delle Giudicarie e Rendena, la Tosela, la Ricotta, il Dolomiti, il Casolet, il Fontal ed i Nostrani della Val di Fassa, del Primiero e di Fiavè.

 

Cucina e Ricette di Trento

Un piatto di canederliLa provincia di Trento dal punto di vista culturale e, nello specifico, gastronomico è organizzata in valli; è facile pensare come nell'arco dei secoli le tradizioni si fossero sviluppate nelle varie valli con peculiarità diverse a causa della morfologia dell'area; non era semplice, infatti spostarsi di valle in valle e le tradizioni non subivano cosi grosse contaminazioni.

Nonostante ciò tutte le valli hanno una base che le accomuna rappresentata dal fatto che i frutti della terra fossero gli stessi, quindi le cucine delle varie valli si sono sviluppate partendo dalle stesse materie prime e sfruttando le stesse opportunità di poterle lavorare al meglio.

La gastronomia di tutte le valli, per esempio, presenta un'ampia scelta di prodotti caseari grazie al fatto che la popolazione potesse avvalersi di pascoli di alta montagna; altro punto comune è la forte presenza di piccoli frutti di bosco nella preparazione di dolci e non solo, tant’è vero che i boschi che circondano le valli ne sono ricchi.

Altro minimo comun denominatore della gastronomia delle valli della provincia di Trento è rappresentato da quei piatti che sono arrivati qui in seguito alla dominazione austriaca come i canederli e lo strudel.

 

Val di Sole

Lo strudelLa Val di Sole ha un'economia basata sull'agricoltura e sull'allevamento, che da vita a una cucina basata su ingredienti semplici e genuini.
La tipicità della cucina di questa zona risiede, soprattutto, nei derivati del latte. Il latte, ovviamente, viene prodotto da capi autoctoni alimentati a pascolo d'alpeggio, ne consegue un latte ricco e di altissima qualità.

I prodotti caseari che più caratterizzano la gastronomia della Val di Sole sono il Casolet della Val di Sole e la ricotta (detta poina).
Il Casolet della Val di Sole è un prodotto unico, ottenuto da latte crudo, viene servito fresco o semistagionato in abbinamento a salumi, speck e pane di segale. 

Questo formaggio deve il suo nome al fatto che gli abitanti di alcuni paesi di questa valle venivano chiamati casoletti.
Altro prodotto che caratterizza la zona è la ricotta, la quale, oltre ad essere gustata così com'è, viene utilizzata in molteplici ricette come gli gnocchi, i tortilli, la pasta alle patate e, per quanto riguarda i dolci, nella tradizionale torta alla ricotta, nella polenta o negli squisiti biscotti "de poina".

Oltre ai prodotti caseari, la cucina di questa valle presenta ottimi piatti a base di carne che sia essa di maiale, ovino, bovino o cacciagione.
La selvaggina, abbondante nelle zone boschive che circondano la valle, viene spesso preparata con l'utilizzo di frutti di bosco come i ribes oppure con le erbe che nascono spontanee, sempre accompagnata con della polenta.

Infine i dolci, anche in questa valle la popolazione non può fare a meno dello strudel, dolce tipico dell'intero trentino, ma anche la torta di fregoloti ha la sua opportuna popolarità.