Le Dolomiti del Trentino Alto Adige: Patrimonio dell'Umanità

Passo Gardena sulle DolomitiIl World Heritage Committee riunitosi a Siviglia il 26 giugno 2009 ha incluso le Dolomiti tra i beni naturali patrimonio dell’umanità.

Dopo la discussione da parte dei 21 componenti del World Hermitage Comittee, la candidatura delle Dolomiti ha trovato piena approvazione e ora i nove gruppi dolomitici sono iscritti nella lista dei Beni naturali protetti dall’UNESCO.

I gruppi dolomitici - Pelmo-Croda da Lago, Marmolada, Pale di San Martino-San Lucano, Dolomiti Bellunesi, Dolomiti Friulane e d'Oltre Piave, Dolomiti Settentrionali, Puez-Odle, Sciliar-Catinaccio- Latemar, Bletterbach, Dolomiti di Brenta - hanno ottenuto il riconoscimento dall’organizzazione delle Nazioni unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura come bene seriale per la loro eccezionalità geologica e paesaggistica.
 

La Fondazione

Dopo oltre quattro anni di intenso e minuzioso lavoro comune, e all’indomani dell’importante iscrizione, i referenti delle 5 province cui appartengono le Dolomiti - Trento, Belluno, Bolzano, Pordenone e Udine - pensano già alla strategia di gestione unitaria che porti alla creazione di un referente unico nei confronti del World Heritage Committee.

Entro 18 mesi si dovrà giungere alla costituzione di una Fondazione, la "Dolomiti - Dolomiten - Dolomites - Dolomitis UNESCO Foundation", che diventerà il soggetto unitario di coordinamento interistituzionale per la gestione delle politiche di conservazione e valorizzazione dei valori del Patrimonio Universale.

Sono già stati individuati obiettivi ed azioni (alcune già in corso) per la conservazione e per la gestione sostenibile del Bene Naturale Dolomiti. L’attenzione è dedicata soprattutto alla governance dei flussi turistici, alla comunicazione e alla ricerca.

L’obiettivo è quello di promuovere il Bene secondo i due criteri di candidatura (su esplicita richiesta di IUCN, International Union for Conservation of Nature) e cioè quello paesaggistico/geografico e geologico/geomorfologico.

 

Enogastronomia - Strada dei Formaggi delle Dolomiti

È il viaggio che ti fa riscoprire i sapori e i paesaggi delle Dolomiti di Fassa, Fiemme e Primiero

Un banco di formaggiLa Strada dei Formaggi delle Dolomiti è la tappa ideale per percorrere un viaggio tra i prodotti tipici e i sapori delle Dolomiti. 
Ti troverai immerso nelle tradizioni e nell’identità alpina. 

La Strada dei Formaggi delle Dolomiti attraversa territori di incredibili paesaggi e di profonda cultura. I luoghi da visitare sono la Valle di Fassa, Valle di Fiemme e Primiero.

Ogni territorio ti offre prodotti deliziosi: in Val di Fassa ti aspetta il famoso “puzzone di Moena”, in Val di Fiemme le ricotte di capra ed il famoso Caprino di Cavalese, in Primiero la Tosela e il burro. 

Tutti i prodotti, dal formaggio al miele, conservano il sapore delle malghe di montagna e di luoghi ancora inviolati.